WhatsApp Image 2017-05-26 at 15.39.17Questa mattina, 26 maggio 2017, ore 09:30 presso l’aula consiliare del Comune di San Potito Ultra, il Commissario prefettizio il dott. Mario La Montagna, il dott. Pianese, dirigente Serv. Dip. Patologiche e il Dottor Conte direttore struttura complessa igiene – Servizio Pubblico Asl Avellino, sono intervenuti per cercare di chiarire e tranquillizzare la cittadinanza in merito ad un caso di TBC verificatosi tra un alunno della scuola materna “Madre Teresa di Calcutta” di codesto Comune.

Gli intervenuti Asl hanno dichiarato di aver avuto comunicazione, da parte dell’Azienda Ospedaliera G.Moscati di Avellino, di un caso di acclarato di Tubercolosi bacillifera (quindi infettiva) riscontrando in un soggetto adulto residente presso il Comune di San Potito Ultra in data 25 aprile 2017. Dalla comunicazione si sono mossi attraverso l’effettuazione di uno screening nei confronti del nucleo familiare da cui è risultata la negatività al test Mantoux della moglie e la positività, invece, dei/delle figli/e. Quest’ultimi ricoverati presso il Policlinico universitario di Napoli sono stati sottoposti all’analisi dell’espettorato e dimessi dopo tre giorni perchè soggetti con TBC non bacillifera. il 30 maggio i bambini saranno sottoposti a ulteriori controlli.

in tutta questa brutta vicenda, perchè sta vedendo a catena coinvolti tutti a partire dai più piccoli, resta un unico dubbio rilevabile anche attraverso la domanda avanzata al Commissario Prefettizio ( e che tra l’altro rileva un vizio nella catena informativa ): “in merito alla vicenda del primo caso di TBC bacillifera /e di cui, Asl, vi è pervenuta comunicazione il 25/04, non sarei dovuto essere stato avvisato in qualità di responsabile sanitario di questo comune? “

 

Richiesta al Commissario effettuata dal Forum di Cittadinanza Attiva

richiesta 

 

 

 

 

 

 

 

Risposta Commissario Prefettizio

rispoat